Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo Umano         

Conoscere i principi generali della materia trattata ci  consente di poter adottare ogni volta la soluzione migliore rispetto al problema da affrontare.

Uno dei cardini sui quali poggia la normativa elettrica è proprio la pericolosità della corrente elettrica. Per capire la pericolosità della corrente elettrica è necessario trattare associandoli alcuni concetti di fisiologia umana e di elettrotecnica generale.

L’impedenza è la resistenza che l’organismo oppone al passaggio di una corrente elettrica alternata. L’attitudine alla conduzione della corrente elettrica dipende dalla presenza di ioni liberi o elettroliti, nell’acqua corporea.  Quindi la misura della conduttività o dell’impedenza bioelettrica dipende dalla presenza di acqua corporea e dei componenti corporei che contengono elevate quantità d’acqua. Il corpo umano può essere assimilabile ad un sistema dormato da tanti conduttori paralleli di natura diversa, ciascuno dei quali, oppone al passaggio di una corrente elettrica, valori di impedenza molto diversi.

Prima legge di Ohm: I=V/R

Dove I=corrente, V=Tensione, R=Resistenza

Il corpo umano è come un sacco d’acqua nel quale si agitano molti ioni, i quali costituiscono una corrente elettrica alla quale è associato un potenziale elettrico conseguente all’impedenza bioelettrica

Il passaggio della corrente elettrica nel corpo umano, provoca alterazioni e lesioni che possono essere a carattere transitorio, permanente o letale. Tali effetti sono in funzione di:

  • Intensità della corrente
  • Durata del contatto
  • Natura della corrente (continua o alternata)
  • Frequenza
  • Percorso della corrente nel corpo
  • Stato di salute generale
  • Sesso del soggetto

Effetti della corrente sul corpo umano

Per valore di soglia si intende la media dei valori minimi di corrente al di sotto del quale il fenomeno considerato non si verifica, per soglia di percezione invece si intende il valore della corrente al di sotto del quale la persona non riceve alcuno stimolo

Valori di corrente

Definizione

Effetti

1-3 mA

Soglia di percezione

Non si hanno rischi o pericoli per la salute

3-10 mA

Elettrificazione

Produce una sensazione di formicolio più o meno forte e può provocare movimenti riflessi

10 mA

Tetanizazzione

Si hanno contrazioni muscolari. Se la parte in tensione è stata afferrata con la mano si piò avere paralisi dei muscoli, rendendo difficile il distacco

25 mA

Difficoltà respiratorie

Si hanno a causa della contrazione di muscoli addetti alla respirazione e del passaggio di corrente per i centri nervosi che sovrintendono alla funzione respiratoria

25-30 mA

Asfissia

La tetanizzazione dei muscoli della respirazione può essere tale da provocare la morte per asfissia

60-75 mA

Fibrillazione

Se la corrente attraversa il cuore può alterarne il regolare funzionamento provocando una contrazione irregolare e disordinata delle fibre cardiache che può portare alla morte

 

Principali effetti deleteri della corrente elettrica

Tetanizzazione

I muscoli si muovono normalmente sotto l’azione di uno stimolo elettrico trasmesso dal sistema nervoso, quindi una corrente esterna può provocare l’azionamento involontario dei muscoli.

L’azione eccito motoria della corrente può determinare il distacco della persona dalla parte in tensione e quindi l’interruzione della corrente nel corpo umano. Se l’azione eccito motoria della corrente interessa i muscoli contrattili della mano la corrente provoca una contrazione spasmodica della mano e quindi la persona rimane incollata alla parte in tensione.

Soglia di tetanizzazione:

  • 10/15 mA per la corrente alternata a 50Hz
  • 100/300 ma per la corrente continua

Arresto della respirazione

La corrente può produrre la paralisi della respirazione, per inibizione dei centri nervosi che la comandano o per tetanizzazione dei muscoli addetti alla respirazione stessa.

Fibrillazione ventricolare

La contrazione ritmica del cuore è provocata da uno stimolo elettrico, prodotto da un centro di cellule specializzate, una corrente elettrica esterna provoca un’alterazione nel funzionamento elettrico del cuore portando talvolta alla fibrillazione. La fibrillazione ventricolare consiste in un disordine elettrico nel cuore, le fibre del ventricolo si contraggono in modo scoordinato, l’una indipendentemente dall’altra, il cuore non riesce più a spingere il sangue e la circolazione viene meno.

La probabilità che si inneschi la fibrillazione ventricolare, a parità di ogni altra condizione, dipende dal percorso della corrente. Il percorso più pericoloso è mano sinistra-torace, mentre il percorso mano-mano è meno pericoloso del percorso mano-piedi. Se la corrente dura più di un periodo cardiaco (0,6-0,9 s) il cuore è sicuramente interessato dalla corrente nel periodo vulnerabile.

La fibrillazione ventricolare si può arrestare tramite una scarica impulsiva che funge da reset e permette la ripresa regolare del funzionamento cardiaco dell’individuo, grazie all’uso di un defibrillatore.

Ustioni

Il passaggio della corrente sviluppa calore per effetto joule e il corpo umano non fa eccezione a questa regola generale. Il calore si presenta sulla pelle perché presenta una resistenza maggiore, la conseguenza è un aumento della temperatura che può portare a gravi ustioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This is a demo store for testing purposes — no orders shall be fulfilled. Ignora

Iscrizione newsletter
Iscriviti per essere informato su tutte le Offerte e Novità.
Potrai cancellarti in qualsiasi momento.
Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 13, Regolamento (UE) 2016/679  PRIVACY POLICY